Una malattia curabile

UNA-MALATTIA-CURABILE

L’uomo è una creatura molto elevata, con possibilità sconosciute, che può realizzare cose inimmaginabili.

A lui si aprono i migliori orizzonti, per un futuro di grandi scoperte. Potrà debellare tutte le malattie, sconfiggere il dolore, allungare la vita, configgere la fame.
Tuttavia c’è una malattia subdola e incredibilmente trascurata: una malattia endemica e accuratamente coltivata da coloro che fanno degli uomini un mezzo e non un fine, come strumenti da usare a proprio vantaggio.

Questa grande malattia si chiama mediocrità: impoverisce le menti, limita i sogni e le speranze, si nutre di fatalismo, degenera nell’apatia e colui che ne è colpito attribuisce ad altri la sua misera condizione.

La mediocrità è figlia della rinuncia e della pigrizia, atrofizza la creatività, spegne l’entusiasmo.
Incredibilmente la cura della mediocrità scaturisce nelle grandi sofferenze, nelle ingiustizie e nei soprusi subiti, nella mancanza di libertà, nella rabbia di rivalsa.

Fortunatamente esistono casi di uomini che non sono preda della mediocrità, ma al contrario hanno dedicato e continuano a dedicare la loro esistenza alla realizzazione di grandi opere nel mondo del lavoro, della fede, della salute, della vita sociale. Sono persone illuminate, normali che realizzano ciò che il mediocre ritiene eccezionale.

Sarà proprio questa conquista che permetterà loro di avere maggior successo nella vita e nel lavoro.

 

Carlo Fiorentini